Il Testo Unico D. Lgs n. 81/2008 racchiude nei suoi articoli anche la normativa vigente applicata nei luoghi di lavoro, ossia a tutti quegli ambienti in cui un lavoratore presta la sua opera o a cui comunque ha accesso all’interno dell’azienda. Sono previste alcune particolari disposizioni nei casi di luoghi di lavoro come: i mezzi di trasporto, aree verdi adiacenti ad aziende agricole e i cantieri temporanei.

I principali articoli sono quelli che vanno dal 62 al 66 e che definiscono i generali requisiti di sicurezza,  quelli per ambienti a rischio igiene, a rischio inquinamento e potenzialmente pericolosi e soprattutto gli obblighi del Datore di Lavoro rispetto a quest’ambito.

 

incentivi-assunzione-disabili-2012

Requisiti fondamentali per la sicurezza dei luoghi di lavoro

Le linee guida del Testo Unico, all’articolo 63, elencano una serie di requisiti fondamentali che ogni luogo di lavoro deve possedere, al fine di garantire la massima sicurezza per tutti le persone che li frequentano a vario titolo, tra questi:

  • Gli edifici devono essere strutturalmente solidi e ricevere la manutenzione necessaria
  • La cubatura e l’altezza dei locali deve rispettare i limiti stabiliti e consentire ad ogni lavoratore di muoversi agevolmente
  • I soffitti, le pareti e i pavimenti devono essere fissi e garantire il giusto isolamento dagli agenti atmosferici, gli ambienti provvisti di finistre per il ricambio di aria
  • Le zone pericolose devono esser e chiaramente segnalate
  • Le uscite di emergenza devono essere presenti in funzione del numero dei lavoratori e delle dimensioni dell’edificio, indicate esplicitamente e libere da ogni tipo di ingombro
  • Il clima all’interno dei luoghi di lavoro deve essere adatto all’organismo e funzionale al tipo di attività svolta (gli impianti di ventilazione devono essere periodicamente controllati da personale qualificato)
  • Devono essere presenti luoghi per consentire un break ai lavoratori durante le pause previste, locali adibiti a spogliatoi se è previsto che indossino un abbigliamento specifico, servizi igienici funzionanti e separati per uomini e donne
  • Tutti gli ambienti devono consentire un facile accesso ai lavoratori disabili

Il Datore di lavoro ha come obbligo quello di supervisionare e garantire la conformità degli ambienti in merito all’igiene, alla corretta manutenzione, alla presenza e alla disposizione degli accessi per i disabili, alle misure di sicurezza presenti per evitare ogni possibile rischio. Lo stesso decreto legge stabilisce sanzioni per chi non adempie a tale obblighi, con l’arresto (fino a 6 mesi) e multe che possono arrivare anche ai 5.000 euro.

Quali sono i luoghi di lavoro rischiosi

Esistono anche alcuni luoghi di lavoro che presentano dei potenziali rischi, come quello di inquinamento. In questi casi il Testo Unico prevede che i lavoratori non abbiano accesso a zone specifiche (fosse, caldaie, condutture, pozzi neri per esempio), per il forte pericolo di inalazione di gas, prima che sia stata effettuata una bonifica dell’atmosfera. Qualora invece esistesse solo un rischio dubbio, i dipendenti devono essere muniti di dispositivi di protezione e controllati durante il lavoro, il mancato adempimento rappresenta un reato penale.