Quando si lavora in azienda, si rischiano infortuni, incidenti, ma soprattutto se si è a lavoro non si è immuni dalle calamità della vita, come malori o cose simili. Per questo motivo è importante che almeno qualcuno dei dipendenti sia preparato ad un’azione di primo soccorso di emergenza. Si tratta di una dinamica fondamentale per la sicurezza sul luogo di lavoro, abbinata, ovviamente, alla presanza di un medico competente all’interno dell’azienda.

Se le persone che ci circondano sanno come comportarsi, in casi di questo tipo, si evita, innanzitutto di farsi prendere dal panico, e poi di agire impulsivamente e di istinto rischiando di peggiorare una situazione già grave. Per tutti questi motivi, è decisamente importante che i datori di lavoro di tutte le aziende si preoccupino di formare i propri dipendenti su questa tematica tramite appositi corsi di primo soccorso aziendale, specifici sui comportamenti da tenere in azienda. Si tratta di corsi di gruppo dove tutti potranno mettersi in gioco e partecipare a delle attività pratiche.

Non è solamente un consiglio, sappiate che dal 2008 è obbligatorio formare i dipendenti su tali tematiche, in modo che ognuno di loro sappia prendere le giuste misure di primo soccorso nei dovuti casi. Alla fine del corso, i partecipanti riceveranno un attestato in cui sarà specificato il numero di ore in cui hanno seguito le lezioni che generalmente è di almeno 16 ore.

intervento di primo soccorso

In cosa consiste il primo soccorso

Andiamo ora a vedere di cosa parliamo quando diciamo corso di primo soccorso. Questi corsi di formazione hanno l’obiettivo di insegnare ai membri del personale aziendale, quali sono le misure da prendere e le azioni da compiere, nel caso in cui un collega dovesse avere un’improvviso malessere o rimanere vittima di un grave infortunio, conferendo loro la giusta capacità di intervento. Le ragioni sono sostanzialemente due, innanzitutto c’è un lato morale, si tratta infatti di una questione di civiltà, in secondo luogo c’è l’aspetto legale: in questo modo non si rischia di imbattersi in denunce per l’omissione di soccorso.

La normativa ci insegna che, la persona che si trova a prestare soccorso, non deve, per nessuna ragione, mettere a repentaglio la propria vita e che il soccorso prestato deve essere proporzionale alle proprie capacità e ai mezzi che si hanno a disposizione in quel momento. Sarebbe davvero rischioso prendere delle misure sulle quali non si è pienamente preparati.

Nello specifico, il corso è volto all’insegnamento di tecniche mediche basilari utili per stabilizzare la situazione in attesa di soccorsi, nonchè all’utilizzo di materiali e strumenti ospedalieri, che potrebbero essere utili in caso di emergenza.

Quali conoscenze si apprendono

Durante le lezioni i dipendenti, impareranno a valutare l’ambiente che li circonda, a riconoscere un’emergenza e la gravità di un incidente. Prima di agire è fondamentale saper riconoscere in che condizioni psicofisiche versa la vittima e soprattuto fare un’autovalutazione delle proprie capacità in quel caso specifico. Andando più nello specifico si impareranno le nozioni principali su traumi e patologie, come ad esempio fare un massaggio cardiaco oppure intervenire sulle vie aeree, ad esempio in caso di soffocamento.