Pratiche autorizzative

Prevenzione incendi e autorizzazioni in deroga

US GROUPIl particolare contesto ambientale di alcune Organizzazioni o la definizione stessa delle attività in essa svolte possono determinare la necessità, per il datore di lavoro, di effettuare specifiche analisi e valutazioni dei rischi.
Difatti lo svolgimento di attività lavorative all’interno di un locale chiuso sotterraneo o semisotterraneo necessita del rilascio di specifica autorizzazione da parte dell’Autorità Competente (autorizzazione in deroga ai sensi dell’art. 65 c.2 D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. ). Allo stesso modo è necessario il conseguimento del Certificato di prevenzione incendi, rilasciato dai Vigili del Fuoco, per lo svolgimento di determinate attività soggette a tale disciplina (DPR 151/11).
la US Group S.r.l., nell’ambito del proprio staff di professionisti, tra cui fanno parte i tecnici abilitati ai sensi della L.818/84 e s.m.i. , offre la possibilità di predisporre la documentazione tecnica necessaria per conseguire le autorizzazioni (Domanda di autorizzazione in deroga art. 65 D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. ) e le certificazioni (Progettazione antincendio) necessarie nei casi qui esposti.

Autorizzazione In Deroga Acustica

L’articolo 8 della legge quadro sull’inquinamento acustico (26 ottobre 1995, n. 447) prevede la valutazione di impatto acustico previsionale per gli impianti/infrastrutture/insediamenti di nuova costruzione o per quelli esistenti nei quali sia prevista la realizzazione di interventi o la dislocazione di attività produttive tali da modificare le immissioni di rumore nell’ambiente circostante, all’esterno del confine di pertinenza dell’impianto/infrastruttura/attività.
La caratterizzazione acustica di un’area interessata dalla realizzazione di edifici residenziali o di insediamenti è realizzata tramite una campagna di misure fonometriche eventualmente integrata dall’applicazione di tecniche di calcolo previsionale.
Nel caso in cui vengano previsti superamenti dei limiti di rumore imposti dalla normativa vigente, la documentazione di previsione di impatto dovrà contenere l’indicazione delle misure previste per ridurre o eliminare le emissioni sonore causate dall’attività o dagli impianti.

Autorizzazione Emissioni In Atmosfera

L’art. 269 comma 1 del Dlgs 152/2006 e s.m. e i. prevede che per tutti gli stabilimenti che producono emissioni deve essere richiesta una autorizzazione. La titolarità dei relativi provvedimenti amministrativi, differenziati per le diverse categorie di impianti individuate dalla normativa, sono state delegate alle Regioni che hanno provveduto ad emanare una propria legge regionale. Le autorizzazioni alle emissioni in atmosfera si differenziano a seconda dell’attività che le produce e/o dai quantitativi di materia prima utilizzata.

Il conseguimento dell’autorizzazione presuppone la redazione di un apposito studio tecnico finalizzato ad analizzare, comprendere, valutare e tenere conto del particolare contesto ambientale di riferimento oltre che conoscere le caratteristiche qualitative e quantitative dell’emissione stessa per le valutazioni di merito da svolgere.

US Group S.r.l. offre alle Organizzazioni la possibilità di implementare, predisporre e seguire tutto l’iter normativo previsto per conseguire l’autorizzazione alle emissioni. Grazie al laboratorio interno accreditato, inoltre, Gruppo Maurizi può offrire un servizio integrato che si basa anche sul monitoraggio analitico dei parametri rispetto alle previsioni normative e prescrizioni stesse riportate nell’autorizzazione specifica conseguita.

Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA)

La Scia è la segnalazione certificata d’inizio di un’attività imprenditoriale, commerciale e artigianale. Con la modifica dell’art. 19 della L. 241/1990 (per effetto della L.122/2010), l’attività oggetto della segnalazione può essere iniziata dalla data della presentazione della segnalazione all’amministrazione competente.

La SCIA deve essere presentata prima dell’inizio (o della modifica, sospensione, ripresa, cessazione) dell’attività; la sua presentazione avvenuta in modo corretto e completo accompagnata dalla ricevuta di avvenuto deposito emessa dal SUAP, costituisce titolo necessario per intraprendere l’esercizio dell’attività e/o modificarla.

In base alle nuove regole stabilite dal DPR 160/2010, la SCIA composta dalla modulistica e dai relativi allegati deve essere presentata esclusivamente in modalità telematica, e quindi non può più essere presentata in forma cartacea allo sportello Suap.

Contattaci

Richiedi un appuntamento con un nostro esperto

Contattaci